Delega fiscale, Sberna (PI): nei decreti attuativi vigilerò sui carichi famigliari

Porre attenzione ai carichi famigliari. Questo in sintesi l’obiettivo che si pone Mario Sberna, deputato dei Popolari per l’Italia, nel suo lavoro all’interno del comitato ristretto nato tra Camera e Senato all’indomani del varo della delega fiscale, lo scorso febbraio. A questo tema “sembra non ci sia chi pensi o forse c’è ma lo fa in modo sbagliato” spiega al VELINO ricordando ad esempio quanto accaduto con l’ultima legge di stabilità in cui si prevede che ogni volta che i rimborsi da detrazione siano superiori ai 4mila euro, l’Agenzia delle entrate debba effettuare “controlli preventivi, anche documentali, sulla spettanza delle detrazioni per carichi di famiglia”. “Intendo dare risalto al concetto che i figli non sono un peso e questo vale anche per il catasto: per decidere le rendite prima devo sapere quanta gente abita in un dato appartamento” sottolinea Sberna che vigilerà affinché nei decreti attuativi della delega fiscale non ci siano norme che colpiscano le famiglie.

Il deputato dei Popolari per l’Italia è anche membro dell’intergruppo parlamentare contro il gioco d’azzardo e l’articolo 14 del ddl fisco dispone il riordino del settore dei giochi con vincita in denaro. “In commissione Affari sociali alla Camera al momento è in discussione un ddl dedicato alla ludopatia ma ci si occupa specificamente dell’aspetto socio-sanitario. Invece secondo me bisogna occuparsi di un altro aspetto ovvero dello Stato biscazziere” sostiene Sberna che non nasconde la sua allergia per questo genere di giochi. Ammette che “la sperequazione che c’è sugli aggi è assurda però la mia lotta è perché si smetta di giocare”. Nemmeno l’uso delle risorse ricavate dall’allineamento degli aggi per prevenire e curare la ludopatia sembra convincerlo: “Non credo che la strada sia quella – spiega -. L’unico spazio è quello di combattere contro la pubblicità ai giochi con vincita in denaro e agire di più sul versante delle multe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *