Corriere Brescia: Parlamentari bresciani, ecco stakanovisti e assenteisti

DALL’INSEDIAMENTO FINO AL LUGLIO SCORSO PRESENZE, PARTECIPAZIONE AL VOTO E MISSIONI DI DEPUTATI E SENATORI

Al Senato record positivo per Mucchetti (95%), alla Camera per Caparini (97,7%) negativo per Gitti (34%)

di Italia Brontesi

Parlamentari assenteisti? Non è così, almeno non per la maggioranza dei senatori e dei deputati bresciani. Tra i venti eletti a Brescia i più «diligenti» sono nel Partito democratico e nella Lega nord, tallonati dai parlamentari del Movimento 5 stelle, mentre in coda nella graduatoria ci sono i parlamentari di Forza Italia e metà del gruppo di «Per l’Italia». Al Senato, nel periodo che va dal 15 marzo del 2013 (data di inizio della legislatura) fino al luglio scorso, il primo nella graduatoria dei bresciani è, con il 95,11% di presenze, Massimo Mucchetti, senatore del Pd. Alla sua prima legislatura, Mucchetti è anche presidente della commissione Industria, incarico che lo impegna in numerose «missioni». Così, su un totale di 7.185 votazioni, ha messo insieme un 83,16% di presenze in aula a cui si aggiunge un altro 11,95% pari a 859 missioni. Tallona Mucchetti con un 94,53% l’altro senatore del Partito democratico, Paolo Corsini, anche lui per la prima volta a Palazzo Madama, ma con alle spalle un’esperienza di deputato. L’ex sindaco di Brescia è spesso in missione all’estero e al 67,11 per cento di presenze in aula aggiunge il 27,43% per le 1970 missioni a cui ha partecipato. Al terzo posto si piazza il senatore del Movimento 5 stelle Vito Crimi, 82,94%: 70, 08% di presenze in aula e 924 missioni, pari al 12,86%. Lo segue il senatore della Lega nord Raffaele Volpi, 78,46% di presenze e 1,68% di (121) missioni, mentre ultimo nella graduatoria dei senatori si piazza Riccardo Conti, Forza Italia: 51,69 per cento di presenze e 0,07 di missioni, in tutto 51,76%.

Parlamentari del Pd e della Lega ai vertici della classifica anche alla Camera, seguiti dall’on. Luigi Lacquaniti che, alla sua prima legislatura, ha lasciato il partito di Niki Vendola ed è entrato nel Gruppo misto. Raggiunge il 97,68% di presenze (mettendo insieme in misura quasi uguale, il 48%, voti in aula e missioni) l’on. Davide Caparini deputato della Lega che a Montecitorio è stato eletto la prima volta nel ‘96. Non è da meno, con un 92% di presenze in aula, l’altro deputato del Carroccio Stefano Borghesi. Nel Pd il record di presenze è dell’on. Miriam Cominelli, 93,25%, tallonata Alfredo Bazoli con il 93,08 e da Marina Berlinghieri con l’82,50. Si ferma al 61,71% di presenze in aula il quarto deputato bresciano del Pd, l’on. Guido Galperti, che ha dovuto fare i conti anche con qualche problema di salute. Mediamente più staccati i pentastellati: Claudio Cominardi (85,4%), Dino Alberti (78,6%), Tatiana Basilio (76,4%) e Giorgio Sorial (63,2%)
Si assestano sul 55% di presenze (e zero missioni) i due deputati bresciani di Forza Italia: 55,23% per Mariastella Gelmini, coordinatore regionale di Fi, eletta per la prima volta a Montecitorio nel 2006 e ministro del governo Berlusconi, 55,22 per Giuseppe Romele, vicepresidente della Provincia, in Parlamento da tre legislature. Ultimo nella graduatoria dei parlamentari bresciani per numero di presenze in aula è l’on. 
Gregorio Gitti, deputato di «Per l’Italia», 34,83% presenze, di cui il 24,95 per votazioni in aula e il 6,88% per 196 missioni. Fa però risalire la media delle presenze del gruppo «Per l’Italia» l’altro deputato, l’on. Mario Sberna, con un 78,09 % di presenze.

Vedi il grafico delle attività dei Parlamentari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *